Saltar al contenido

CHE HA INVENTATO L’ENERGIA SOLARE FOTOVOLTAICA

In questo articolo cercheremo di rispondere a questa domanda : chi ha inventato l’energia solare fotovoltaica? 

Chi ha inventato l’energia solare fotovoltaica: breve storia

L ‘  energia solare fotovoltaica  non è una scoperta recente, anche se solo oggi sta diventando  un’importante fonte di energia  : in un certo senso si può dire che fin dai tempi dei  romani  , avevano concepito per i sistemi domestici di il riscaldamento e ‘basato sull’uso dell’energia solare e sull’effetto serra creato dal vetro, il potenziale energetico del sole era qualcosa di noto all’uomo.
Tuttavia, prima che il sole venisse sistematicamente sfruttato come fonte di  energia rinnovabile  , sarebbero dovuti passare secoli, con improvvisi sviluppi tecnologici alternati a rotture secolari.

CHE HA INVENTATO L'ENERGIA SOLARE PHOTOVOLTAICA

 

Tuttavia, la  storia moderna dell’energia solare  iniziò nel 1839.  Edmund Becquerel  , discendente di una famiglia di fisici diciannovenne, scoprì il cosiddetto effetto fotovoltaico: mentre conduceva esperimenti in una cella elettrolitica, notò che il  platino  colpito da un fulmine Il solare ha prodotto una piccola corrente. di energia elettrica.

Nel 1873, l’inglese  Willoughby Smith  , sperimentando il  selenio  , si rese conto che quest’ultimo consentiva il passaggio della luce e dieci anni dopo, l’americano  Charles Fritts  progettò e costruì le prime celle al selenio: la sua esibizione fu semplicemente ‘1 %, rispetto al 40% delle celle moderne, quindi l’idea di ottenere qualche applicazione pratica è stata immediatamente abbandonata.

Da un punto di vista teorico, tuttavia, non si può dire che le cose fossero ferme. All’inizio del XX secolo, fu proprio lo studio  dell’effetto fotoelettrico  che portò  Albert Einstein  a sviluppare la teoria della doppia natura di luce, energia e materia allo stesso tempo, che gli valse il premio Nobel nel 1921.

Le  applicazioni pratiche  hanno dovuto attendere, nonostante l’arrivo dei  materiali  che permettono una migliore performance delle cellule e che era solo verso la metà del XX secolo, nel  1953  per la precisione, che  Gerald Pearson ha creato la prima cella solare al silicio, molto più efficiente del selenio.

L’intuizione di Pearson è stata sviluppata da due  colleghi Bell  , Calvin Fuller e Daryl Chapin, che hanno realizzato la prima cella fotovoltaica in grado di convertire l’energia solare in energia elettrica sufficiente per alimentare un piccolo dispositivo elettrico, un trasmettitore radio. Questa cella al silicio è stata in grado di trasformare il 6% dell’energia della radiazione solare in elettricità.

Poco dopo, nel  1957  , quando furono sviluppate  celle  fotovoltaiche al silicio  con  una resa del 15%  , iniziarono le prime applicazioni pratiche: decisivo a questo proposito fu la competizione tra americani e sovietici per il dominio sullo spazio. Il satellite artificiale  Vanguard I nel 1958  fu, infatti, il primo grande dispositivo dotato di celle fotovoltaiche al silicio per ottenere elettricità per i suoi sistemi.

Un altro impulso decisivo, oltre ai  programmi spaziali  , è dovuto alle  crisi petrolifere  degli anni ’70. I paesi occidentali per la prima volta hanno dovuto rendersi conto che il petrolio è una risorsa scarsa e non sempre disponibile, quindi le tecnologie per sfruttare l’energia solare hanno ricevuto una nuova spinta.

Il resto è la storia dei nostri tempi: il fenomeno del riscaldamento globale, l’emergere di  inquinamento  , in calo  le riserve  di  petrolio  sono alcune delle principali forze che hanno costretto le aziende e governi per affrontare con l’energia solare Un rinnovato senso di priorità.

Cosa accadrà in  futuro  ? Tutto suggerisce che l’energia intrappolata dal sole sarà un fattore molto importante nelle nostre vite e in quelle delle generazioni future.